MWM services
Ernia cervicale, diagnosi e cura

ERNIA CERVICALE

ERNIA CERVICALE CHE COS’È
Ogni organo del corpo umano si trova posizionato all’interno di una specifica cavità atta a contenerlo. Per diverse cause è però possibile che fuoriesca, dando luogo ad un’ernia.

L’ernia cervicale è una protuberanza costituita dal disco intervertebrale e l’immediata conseguenza è una compressione dei nervi degli arti superiori (uno od entrambi) e, in alcuni casi, anche del midollo spinale.
La manifestazione dell’ernia discale cervicale non è necessariamente legata all’età, anzi, la maggioranza dei pazienti non raggiunge i 50 anni. Rigidità e dolore al collo, al braccio, all’avambraccio e alle dita della mano sono i segnali più comuni dell’ernia cervicale, che di solito si trova in posizione laterale alla colonna.


La consistenza dell’ernia ne determina la tipologia: molle o dura. Una terza eventualità è quella della spondilosi cervicale, determinata dal marcato mutamento delle vertebre cervicali e dei dischi con estesa sofferenza di radici e midollo spinale.

L’ernia cervicale comune è di tipologia molle, dovuta all’estrusione del disco nel canale neurale.
La causa è sempre un certo grado di decadimento del disco vertebrale, frequente con particolari traumi, come il colpo di frusta.
Il sintomo più diffuso è un dolore acuto del braccio e del collo, che si verifica spesso al risveglio. Il quadro sintomatologico comprende anche una certa rigidità del collo e frequenti torcicollo.
Il 70% circa delle ernie cervicali interessa il livello vertebrale di C6 e C7, mentre per il 20% è quello di C5 e C6.
Per il paziente, il fatto di provare intenso dolore al braccio può portare a pensare ad un infarto miocardico, mentre alcuni casi di compressione di C8 possono alterare il diametro pupillare (sindrome di Horner incompleta).

 

ErniaCervicale.com 2009 copyright è il portale informativo sull' ernia cervicale, sulla diagnosi e cure ernie cervicale